Prestiti in 24 ore: quanto posso richiedere? Importo massimo, info, dettagli

175

Indice dei contenuti

Quali sono gli importi massimi che è possibile richiedere con i prestiti veloci? Iniziamo con esprimere un concetto generale, per cui più alto è il capitale richiesto, maggiori sono i tempi richiesti per la fase istruttoria. Questo vuol dire di conseguenza che la gran parte delle società finanziarie che propongono prestiti in 24 ore offrono di contro un tetto massimo circa l’importo massimo richiedibile, proprio per rendere i tempi di erogazione estremamente brevi dal momento dell’invio della domanda di finanziamento. Ogni istituto di credito ha la propria policy circa i livelli di rischio che può affrontare, da cui deriva anche una differenza circa l’importo massimo da richiedere che varia da finanziaria a finanziaria. Ma in questa guida dedicata spiegheremo per linee generali come funziona il meccanismo dei prestiti 24 ore e quanto è possibile richiedere in base proprio al suddetto meccanismo.

Requisiti di accesso

Ogni richiesta di finanziamento, anche di un prestito rapido da erogare in 24 ore o poco più, prelude per l’accesso al credito il rispetto di due requisiti essenziali per un istituto di credito, ossia:

  • Reddito dimostrabile e sostenibile per l’ammortamento
  • Storico finanziario privo di segnalazione di protesti o nell’elenco dei cattivi pagatori

Se il capitale richiesto è molto elevato, lo deve essere proporzionalmente anche il reddito dimostrabile, altrimenti una società finanziaria non può accogliere la domanda di finanziamento. Ma una delle caratteristiche dei prestiti veloci e immediati è quella di poter consentire l’accesso al credito in taluni casi anche a chi ha avuto disguidi finanziari precedenti, e questo può avvenire solo garantendo l’erogazione di piccole cifre che non vanno ad impattare sul rischio insolvenza in maniera importante. Questo è il motivo per cui molte finanziarie propongono piccoli prestiti come tipologia di finanziamento in 24 ore.

Piccolo prestito, quale importo?

Monitorando gli istituti di credito che propongono finanziamenti veloci on line, emerge una media nella selezione degli importi massimi richiedibili che tende a non superare i 5.000 euro. Queste cifre così contenute consentono quindi a un utente di avere la liquidità necessaria per affrontare una spesa urgente e imprevista, e a una finanziaria di non rischiare troppo in termini di insolvenza.

L’importo massimo di un piccolo prestito veloce varia comunque in base alla società finanziaria a cui ci si rivolge, per cui è possibile anche alzare tale tetto massimo fino a 10.000 euro.

Prestito in 48 ore, gli importi

Nella categoria dei finanziamenti rapidi rientrano anche quei prestiti che vengono effettivamente erogati in 48 ore, che a dire il vero rappresentano la maggioranza dei prestiti veloci e immediati, poiché le 24 ore pubblicizzate spesso si riferiscono solo all’accettazione della domanda di finanziamento, e non all’erogazione vera e propria del capitale. In questo ambito dei prestiti veloci

l’importo massimo può risultare anche più elevato rispetto a quello del piccolo prestito, in presenza di una solida documentazione di reddito quali buste paga da lavoro dipendente a tempo indeterminato, o un 730 in grado di sostenere l’ammortamento. In questi frangenti è possibile trovare istituti di credito che propongono importi anche fino a 30.000 euro o più, come sempre dipende dalle policy delle singole società finanziarie.

La documentazione richiesta

I tempi di attesa per l’erogazione del capitale richiesto tramite un prestito personale veloce oscillano dunque tra le 24 e le 48 ore, e molto dipende anche dalla celerità con cui si invia la documentazione richiesta, completa di tutte le certificazioni necessarie per la valutazione del cliente in fase istruttoria. Essa si compone di

  • Una documentazione personale (carta d’identità o patente di guida, codice fiscale, permesso di soggiorno per richiedente extracomunitario)
  • Una documentazione di reddito (dichiarazione dei rediti, buste paga, pensione)

e in alcuni casi può essere richiesta anche una bolletta intestata di qualsivoglia utenza. A marcare una decisiva accelerazione è la possibilità di inviare tale documentazione on line, abbreviando in questo modo le tempistiche dell’istruttoria ed anche le spese correlate. Non tutte le società finanziarie permettono l’invio on line, ma dal punto di vista della velocità di erogazione certamente chi consente di eseguire l’intero iter tramite i mezzi di comunicazione digitale avvantaggia l’utente rispetto a quelli che necessitano di un passaggio fisico in sede.

Tassi di interesse

A seconda dell’importo richiesto e della società finanziaria a cui ci rivolgiamo, i tassi di interesse possono essere più o meno vantaggiosi. Chiaramente se vi è qualche dubbio sulla solidità finanziaria o sull’affidabilità creditizia è più facile che vengano innalzati i tassi, così come la richiesta di importi molto elevati tramite questa opzione del prestito in 24 ore o 48 ore. In ogni caso anche nei prestiti immediati le voci da osservare in un preventivo o nel foglio promozionale di un’offerta finanziaria sono

  • TAN, il Tasso Annuo Nominale che indica in valore percentuale gli interessi applicati al capitale erogato
  • TAEG, il Tasso Annuo Effettivo Globale che indica in valore percentuale l’insieme delle spese correlate all’erogazione del finanziamento

Avere più preventivi permette pertanto di confrontare i tassi di interesse, e vedere quale offerta risulti più conveniente. Soprattutto il TAEG è decisivo nel valutare quanto un prestito rapido sia vantaggioso: più è basso tale valore, minori saranno le spese a carico del cliente, alleggerendo la rata mensile di ammortamento.

Utilizzare un simulatore rata

Per coloro che intendono richiedere un prestito in 24 ore, può essere molto utile sfruttare determinati strumenti messi a disposizione on line dalle società finanziare mediante i loro siti internet. Ci riferiamo nello specifico a un simulatore rata, uno strumento che permette di calcolare in automatico quanto andremo a pagare attraverso la rata mensile di ammortamento. Come funziona? Si tratta di un’applicazione davvero molto semplice, per cui bisogna

  • Inserire la cifra dell’importo desiderato
  • Inserire il numero di rate mensili che si intende pagare fra quelle opzionabili
  • Premere il risultato

e ottenere così un calcolo rata indicativo ma abbastanza fedele di quanto andremo a spendere ogni mese.

Come funziona l’ammortamento

Ogni rata mensile che andremo a pagare sarà composta da una quota capitale e una quota interessi, di diversa composizione ma che andranno a formare un importo uguale ogni mese in virtù del tasso fisso applicato al prestito personale. L’insieme delle rate va a formare

quello che nel linguaggio tecnico viene definito piano di ammortamento, e che può variare in base alla finanziaria a cui ci rivolgiamo e al tipo di importo richiesto. Più è lungo l’ammortamento minore sarà l’importo della rata, ma specifichiamo che per un piccolo importo il piano sarà dilatato fino a un massimo di 36-48 mesi, mentre per gli importi più elevati si può arrivare finanche al tetto massimo dei 10 anni (120 rate mensili).

Importante: anche per chi riceve prestiti in 24 ore è valida la clausola di estinzione anticipata vidimata dalla normativa vigente in materia, per cui al capitale residuo da rimborsare può essere applicata una penale che non può superare l’1 per cento a carico del cliente.

Come trovare il miglior prestito 24 ore

Per chi è alla ricerca di un finanziamento immediato consigliamo di affidarsi ai comparatori on line di prodotti finanziari, le quali permettono di confrontare le migliori offerte di prestito in 24 ore del momento. Grazie a questi semplici strumenti

ogni utente potrà valutare le tempistiche di erogazione e l’importo massimo richiedibile delle più importanti società finanziarie che operano sul mercato, e trovare così rapidamente la proposta finanziaria che maggiormente fa al caso proprio.

In ogni caso consigliamo sempre di richiedere un preventivo gratuito ad almeno qualche società finanziaria e non fermarsi solo alla prima proposta, in modo da valutare tassi di interesse e condizioni economiche offerte in dettaglio.

Conclusioni

Analizzando la situazione vediamo quindi quanto sia variegata la situazione del mercato le credito. Alla domanda su quanto si può richiedere per un prestito in 24 ore noi suggeriamo di utilizzare questo strumento finanziario quando davvero bisogna affrontare una spesa improvvisa, e per importi non eccessivamente elevati, perché è in tali frangenti che il prodotto sprigiona al massimo la propria convenienza. Per importi molto elevati il prestito personale standard offre garanzie superiori di convenienza, al netto di tempistiche più lunghe, ma nemmeno eccessive considerando l’impatto positivo che ha avuto l’avvento del digitale nell’iter anche per altri prodotti che non siano il prestito rapido o immediato.