Prestiti in 24 ore non finalizzati: guida completa, come funzionano, quando richiederli

219

Indice dei contenuti

Che cosa sono i prestiti in 24 ore non finalizzati? Si tratta di un’opportunità di credito adatta per chi cerca una soluzione rapida ai propri bisogni, potendo contare su una somma di denaro erogata in brevissimo tempo. Essendo prestiti non finalizzati, diversamente dal credito al consumo non sono necessari giustificativi di spesa, per cui il richiedente non deve far sapere all’istituto di credito o alla società finanziaria per cosa vuole spendere tale denaro. Inoltre tutti i prestiti personali di questo tipo non hanno bisogno di garanzie reali, ma necessitano unicamente delle informazioni reddituali e personali che servono agli enti erogatori per validare la domanda di finanziamento: il tutto in un tempo decisamente accorciato rispetto alla media dei finanziamenti.

Come trovare prestiti 24 ore

Sul mercato è possibile reperire numerose offerte di prestiti in 24 ore, sfruttando gli strumenti di comunicazione digitale a nostra disposizione. In particolare vi sono siti finanziari specializzati che rispondono al nome di comparatori di prodotto, che permettono di fare

un confronto in tempo reale tra le proposte finanziarie delle migliori banche e finanziarie sul mercato, utilizzando come parametri tutte le condizioni economiche che consentono di orientare la scelta del cliente, dai tassi di interesse alle tempistiche di erogazione. Noi consigliamo di orientarsi sempre verso istituti di credito di rinomata fama, evitando offerte di prestiti rapidi che appaiono sin troppo convenienti, e che potrebbero nascondere insidie e condizioni capestro occultate.

Una volta trovate 3-4 offerte che sembrano fare al caso nostro, conviene richiedere un preventivo gratuito compilando sui siti internet ufficiali di tali enti i form di contatto a disposizione, ricevendo risposta via mail entro breve tempo circa la fattibilità dell’operazione di finanziamento, senza alcun obbligo di sottoscrizione.

Tassi di interesse

Come per ogni tipologia di finanziamento, anche per i prestiti non finalizzati in 24 ore è importante osservare i tassi di interesse che ci permettono di confrontare la convenienza del prodotto finanziario offerto, facendo eventualmente un calcolo rata on line sulla base delle condizioni proposte per capire quanto andremo effettivamente a pagare. I due tassi di interesse sono

  • TAN – Tasso Annuo Nominale che indica in valore percentuale gli interessi applicati al capitale erogato
  • TAEG – Tasso Annuo Effettivo Globale che indica in valore percentuale tutte le spese correlate al finanziamento erogato

Più questi due valori sono bassi, maggiormente il prestito risulta vantaggioso in termini di ammortamento del debito. In particolare è il TAEG il termine di confronto fra le offerte di prestito, poiché esso comprende non solo gli interessi, ma anche commissioni, oneri e spese gestionali varie che possono essere a carico dell’utente.

Tempi di erogazione

Quali sono le reali tempistiche di erogazione di tale tipologie di prestito personale? In generale le 24 ore riguardano la risposta di fattibilità, mentre per l’erogazione vera  e propria ci vogliono 48-72 ore, in base al profilo del cliente, il capitale richiesto, e via discorrendo. Ad incidere su tali tempistiche è anche la natura dell’iter istruttorio, poiché tale modalità di valutazione della pratica di finanziamento può essere svolta

  • Interamente on line
  • in parte on line e in parte in sede della finanziaria

Il prestito veloce in 24 ore è dunque un prestito on line, e quanto più le operazioni vengono svolte da remoto, maggiore risulta la velocità di esecuzione, accompagnata da minori costi. Tuttavia non tutte le finanziarie permettono di eseguire l’iter di valutazione in questa modalità, e per alcuni aspetti come la consegna della documentazione o la sottoscrizione del contratto è necessario recarsi in sede, rallentando leggermente le tempistiche di erogazione.

Chi svolge tutta l’istruttoria via web deve avere la certezza che i suoi dati sensibili non vengano trafugati da terzi per scopi illeciti, e da questo punto di vista possiamo rassicurare gli utenti, giacché la sicurezza delle operazioni è garantita da complessi sistemi di cifrature, firme digitali et similia, e che lo spazio web sia protetto lo si evince dalla presenza grafica di un lucchetto presso la barra degli indirizzi quando dobbiamo inserire i nostri dati personali.

Importi richiedibili

Quanto si può ottenere richiedendo prestiti in 24 ore non finalizzati? Premesso che ogni società finanziaria ha le proprie politiche di rischio da cui dipende anche l’entità degli importi richiedibili, possiamo distinguere due famiglie di prodotto per quanto concerne il prestito veloce o velocissimo:

  • Piccoli prestiti fino a 5.000 euro con piani di ammortamento predefiniti, che solitamente non superano i 60 mesi
  • Prestiti on line di maggiore entità, che comporta sino ai 30-40.000 euro di importo ottenibile, e piani di ammortamento un po’ più lunghi

L’ammortamento segue lo schema “alla francese”, per cui all’inizio del rimborso si paga maggiormente la quota interessi rispetto alla quota capitale, rovesciando poi le due parti nel corso del tempo con cui restituiamo il debito. Le rate sono sempre a tasso fisso di importo costante, e in base alla banca o finanziaria prescelta sono possibili anche opzioni di flessibilità che permettono di personalizzare maggiormente la restituzione di quanto dovuto.

Requisiti di accesso

In linea di principio qualunque cittadino italiano di età compresa tra i 18 e i 70 anni può accedere a un prestito veloce in 24 ore: i due requisiti di accesso richiesti per il credito sono

  • Un reddito sostenibile a garanzia del rimborso
  • Un’affidabilità creditizia per cui non vi sono segnalazioni negative a carico del richiedente

In base all’importo richiesto e alle politiche di rischio dell’ente erogatore, questi due criteri possono essere più o meno stringenti, e se le cifre sono molto modeste è possibile che qualche finanziaria conceda l’opportunità di credito anche a cattivi pagatori, magari sotto forma di prestito con cambiali. Ma in generale vale il principio che senza riscontro positivo su questi due fattori anche il prestito in 24 ore non può essere erogato.

La documentazione

Per inviare domanda di finanziamento è necessario inviare la documentazione di base, in formato cartaceo o digitale, che comprende

  • Documento di identità valido
  • Codice fiscale o tessera sanitaria
  • Certificazione di reddito (busta paga o 730)

Una volta terminata l’istruttoria con esito positivo, la somma di denaro viene erogata entro pochi giorni al massimo sul conto corrente.

Estinzione anticipata

Anche per i prestiti 24 ore non finalizzati è possibile richiedere l’estinzione anticipata, che consente all’utente di chiudere anzitempo l’ammortamento restituendo il debito residuo alla società finanziaria,

a cui si aggiunge una penale che per legge non può superare l’1 per cento del totale da restituire, in base al momento in cui si richiede l’estinzione anticipata tae penale può essere anche inferiore o completamente azzerata.

Quando richiedere prestiti in 24 ore?

Quando conviene chiedere prestiti 24 ore? Considerando il rapporto che vi è tra tempistiche di erogazione e entità del capitale richiedibile, a nostro avviso la maggiore convenienza

è riservata a quelle categorie di soggetti che hanno la necessità di far fronte a una spesa imprevista ed urgente, per cui diventa molto importante la modalità di erogazione del denaro nel più breve tempo possibile. Chi ha bisogno di una somma importante, magari per realizzare un importante progetto di vita, farebbe meglio a volgere la propria attenzione su altri prodotti finanziari più consoni, e che permettono anche tempi di ammortamento maggiormente dilazionati.