Come incide il Taeg in un prestito in 24 ore online. Migliori finanziamenti e offerte con basso Taeg 2022

Indice dei contenuti

Quando si richiede un prestito entro 24 ore, un aspetto che deve essere considerato prima di firmare un contratto di prestito è il piano di ammortamento, ovvero il rimborso differito del capitale più gli interessi e ogni altra spesa. Anche se richiedi un prestito veloce e paghi entro 24 ore o più, devi concordare in anticipo il periodo di rimborso in base alle opzioni prestabilite e all’importo richiesto. Impariamo tutto su come rimborsare il prestito entro 24 ore e che cos’è il TAEG.

Come si compone il piano di ammortamento

Maggiore è l’importo richiesto, più esteso è il piano di ammortamento del debito concordato con la finanziaria, a partire da un minimo di 1 anno, e solitamente un massimo di 10 anni. Il piano si compone di tante rate quanti sono i mesi dell’anno, e in un prestito personale 24 ore, il tasso di interesse è fisso, quindi l’importo pagato è lo stesso ogni volta che è dovuto. È cambiata la composizione di questa rata mensile, tra cui abbiamo due fattori di rimborso

  • Quota di capitale
  • Tasso d’interesse

Ma la loro distribuzione non sarà mai la stessa. Infatti, la pratica comune degli istituti di credito oggi è quella di rateizzare all’inizio dell’ammortamento dove la quota di interessi è dominante, e poi conguagliare per ribaltare il tutto, in modo che nella parte finale dell’ammortamento, il cliente sarà tenuto a dover restituire solo la parte di capitale residuo

Come si calcola l’ammortamento

Prima di accettare la proposta di prestito è bene calcolare il piano di ammortamento sulla base di preventivi, magari da confrontare con altre proposte di budget. Questo confronto è fondamentale per valutare le condizioni economiche fornite da altri istituti di credito, ed è molto semplice da fare: si devono considerare i seguenti fattori:

  • Importo del capitale
  • Periodo di rimborso
  • tasso d’interesse

Molti istituti di credito offrono la possibilità di utilizzare un simulatore di prestito attraverso il loro sito ufficiale, in cui il tasso di interesse viene calcolato automaticamente inserendo l’importo e il numero di mesi del piano di ammortamento per capire l’importo del rimborso mensile che dobbiamo pagare.

Il tasso d’interesse

Quando si vuole ottenere un prestito entro 24 ore bisogna prestare attenzione al tasso di interesse applicato per valutare la convenienza rispetto ad altre formule di finanziamento. La rapidità, infatti, non sempre va di pari passo con i vantaggi: prima di sottoscrivere definitivamente un prestito è sempre necessario analizzare nel dettaglio le raccomandazioni finanziarie dei vari istituti di credito. Le due voci principali dei prestiti personali veloci sono:

  • TAN, acronimo di tasso di interesse annuo nominale, espresso in percentuale degli interessi che pagheremo per il capitale richiesto
  • TAEG, acronimo di tasso di interesse annuo effettivo globale, non esprime solo l’interesse in valore percentuale, ma rappresenta anche la riscossione di tutte le spese relative ai pagamenti del prestito

Più bassi sono questi due valori rispetto ai competitor, maggiore è la convenienza nel rimborso dei prestiti. Soprattutto il TAEG è molto importante perché tiene conto anche delle spese accessorie, dei canoni e delle varie commissioni che possono essere addebitate per l’ammortamento: uno dei vantaggi dei prestiti 24 ore online è l’eliminazione di molte spese accessorie, perché la fase iniziale è più breve, quindi puoi ottenere offerte di finanziamento molto interessanti.

Alternative con opzioni di flessibilità

Molte società finanziarie consigliano prestiti personali, anche i prestiti che vengono pagati rapidamente entro 24 o 48 ore hanno opzioni di flessibilità specifiche, a seconda dell’istituto di credito a cui si rivolgono. Difficile, quindi, condurre un case study completo, ma possiamo segnalare alcune delle opzioni più comuni ed estese per i prestiti flessibili, come il salto delle rate e la possibilità di ritardare i rimborsi se necessario, modificando l’importo della rata durante il periodo di ammortamento e modificare la durata totale dell’ammortamento.

Un discorso a parte merita il cosiddetto preammortamento, un’opportunità offerta da molte banche e finanziarie alla clientela per ritardare l’inizio del rimborso. Solitamente si tratta della variazione di durata più breve, inferiore ai 30 giorni, ma è utile per far coincidere scadenze mensili con date precise e più convenienti per il debitore.

E’ inoltre previsto un preammortamento finanziario: l’importo della prima rata attraverso il piano è inferiore alla rata successiva, in modo che il cliente abbia un impatto iniziale più contenuto sul rimborso del capitale.

Prestito 24 ore con estinzione anticipata

Anche per i prestiti ottenibili entro le 24 ore è possibile richiedere l’estinzione anticipata, opzione per rimborsare il capitale residuo e gli interessi maturati al momento della scadenza del contratto. È anche per questo motivo che molte società finanziarie applicano tassi di interesse più elevati all’inizio e, con il tempo, diventa scomodo estinguere anticipatamente i prestiti. In generale in realtà

Se sei nelle prime fasi di un prestito e hai ancora molti interessi dovuti, estinguere anticipatamente il prestito è una soluzione conveniente. Viceversa, quando ormai quasi tutti i debiti e gli interessi sono stati rimborsati, anche questa soluzione potrebbe rivelarsi sfavorevole a causa delle ulteriori sanzioni di cui parleremo nel prossimo capitolo.

Quanto costano le eventuali penali?

A partire dal 1° giugno 2013, le materie oggetto delle sanzioni pecuniarie per estinzione anticipata dei prestiti saranno disciplinate dalle vigenti disposizioni di legge. Oltre al capitale residuo e agli interessi maturati, infatti, il finanziatore potrebbe dover versare una piccola quota dell’importo totale dovuto all’istituto di credito per rimborsare gli interessi mancati dalla rata. Poiché il prestito viene perfezionato prima dei termini previsti dal contratto, tale ritardo non è arbitrario ed è determinato dalla stessa finanziaria, ma prevede dei vincoli ben precisi:

  • Se l’ammortamento residuo del contratto supera un anno, il risarcimento del danno sarà imposto all’1% dell’importo anticipato.
  • Se il periodo di ammortamento residuo del contratto è pari o inferiore a un anno, verrà applicata una penale pari allo 0,5% dell’importo anticipato
    Pertanto, la sanzione non potrà mai superare l’1% del totale residuo.

Inoltre, se l’importo del pagamento anticipato è pari all’intero debito residuo, ovvero pari o inferiore a 10.000 euro, non è necessario corrispondere tale indennizzo. Esistono anche prestiti personali che sono accompagnati da garanzia di credito alla firma del contratto, anche in questo caso l’indennizzo non è più valido, ma questa situazione è rara in un prestito veloce 24 ore. Avere un contratto più snello per garantire la massima velocità possibile nella fase di consegna.